Guida degli insegnamenti

Syllabus

Partially translatedTradotto parzialmente
[MT467] - MEDICINA DEL LAVORO E TECNICHE DI COMUNICAZIONE DEL RISCHIOOCCUPATIONAL HEALTH AND RISK COMMUNICATION TECHNIQUES
Lory SANTARELLI
Lingua di erogazione: ITALIANOLessons taught in: ITALIAN
Laurea - [MT09] TECNICHE DELLA PREVENZIONE NELL'AMBIENTE E NEI LUOGHI DI LAVORO (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI TECNICO DELLA PREVENZIONE NELL'AMBIENTE E NEI LUOGHI DI LAVORO) First Cycle Degree (3 years) - [MT09] ENVIRONMENT AND WORKPLACE PREVENTION TECHNIQUES
Anno di corsoDegree programme year : 3 - Primo Semestre
Anno offertaAcademic year: 2018-2019
Anno regolamentoAnno regolamento: 2016-2017
Obbligatorio
Crediti: 9
Ore di lezioneTeaching hours: 90


LINGUA INSEGNAMENTO LANGUAGE

Italiano

Italian


PREREQUISITI PREREQUISITES

Conoscenze generali di chimica, fisica, biologia e anatomia.

General knowledge of chemistry, physics, biology and anatomy.


MODALITÀ DI SVOLGIMENTO DEL CORSO DEVELOPMENT OF THE COURSE

Il corso della durata di 90 ore di lezione totale, si articola in più parti ed affronta tematiche riferite alla medicina del lavoro, alla tossicologia industriale ed alla comunicazione del rischio. Oltre alle lezioni frontali vengono effettuate esercitazioni pratiche e simulazioni.

The course lasts 90 hours of total lesson, is divided into several parts and addresses issues related to work medicine, industrial toxicology and risk communication. In addition to the frontal lessons, practical exercises and simulations are performed.


RISULTATI DI APPRENDIMENTO ATTESI LEARNING OUTCOMES
Conoscenze e comprensione.

L’insegnamento prevede che lo studente acquisisca nozioni e concetti fondamentali di prevenzione delle malattie professionali e di epidemiologia del lavoro, per meglio definire i concetti di rischio e di fattore di rischio per la salute umana. Interpretare il significato dei principali parametri per la caratterizzazione della tossicità delle sostanze chimiche e conoscere i principi generali della valutazione del rischio chimico, biologico, fisico-radiologico. L’insegnamento prevede che lo studente acquisisca nozioni metodologiche in merito alla valutazione del rischio per interpretare il significato dei termini dose-effetto e conoscere l’uso degli indici biologici di esposizione. Conoscere le principali malattie professionali o correlate al lavoro incluse le patologie da amianto. L’insegnamento prevede l’utilizzo di tecniche di comunicazione efficace così da poter comunicare efficacemente con tutti i soggetti della prevenzione interni ed esterni all’Azienda.
L’insegnamento prevede ino


Capacità di applicare conoscenze e comprensione.

Lo studente sarà in grado di:
- applicare le principali tecniche per la valutazione del rischio, sia dal punto di vista qualitativo che quantitativo, riferiti ai seguenti fattori di rischio: chimico – cancerogeno, fisico e radiologico.
- identificare i passi per riconoscere i fattori di rischio correlati allo stress-lavoro correlato.
- individuare i fattori di rischi presenti negli ambienti di lavoro compreso il rischio incendio
- applicare le conoscenze acquisite in merito ai valori limite di esposizione ambientale
- individuare e gestire le misure di prevenzione e protezione della sicurezza antincendio
- individuare ed applicare gli elementi alla base dei metodi e degli strumenti di misura utilizzati in igiene industriale in riferimento agli agenti fisici, chimici e biologici.


Competenze trasversali.

Le simulazioni e gli esempi affrontati in classe permetteranno allo studente di migliorare l’autonomia di giudizio e la capacità di apprendimento. I lavori di gruppo permetteranno il miglioramento delle capacità comunicative e di confronto.


Knowledge and Understanding.

Teaching involves that the student acquires notions and basic concepts of the prevention of occupational diseases and occupational epidemiology, in order to better define risk notions and risk factors for human health.
The student may also interpret the meaning of the main parameters for characterizing the toxicity of chemicals and know the general principles of chemical, biological, and physical-radiological risk assessment. Teaching provides that the student acquires methodological notions about risk assessment to interpret the meaning of dose-effect terms and know the use of biological exposure indices and may know the main occupational illnesses or occupational-related illnesses including asbestos-induced diseases. Teaching involves the use of effective communication techniques, So that you can communicate with all subjects involved in prevention, both outside and inside the Company.
Teaching also provides for a seminar on fire prevention in relation to the current regulatory fram


Capacity to apply Knowledge and Understanding.

The student will be able to:
- Apply the main risk assessment techniques, both qualitatively and quantitatively, referring to the following risk factors: chemical - carcinogenic, physical and radiological.
- Identify the steps to recognize related risk factors.
- Identify the risk factors in occupational environments including the risk of fire
- Apply the acquired knowledge about the threshold values of environmental exposure
- Identify and manage fire prevention and protection procedures
- Identify and apply the process on the basis of the methods and the measurement tools used in industrial hygiene referring to physical, chemical and biological agents.


Transversal Skills.

The simulations and practical examples carried out in classroom will allow the student to improve themself autonomy and learning ability. Working in a group will improve their communication and comparative skills.



PROGRAMMA PROGRAM

rischio ed attività lavorative: rischi associati all'esposizione ad agenti chimici - cancerogeni, fisici e biologici presenti in ambito lavorativo. Rischio derivante da comportamenti individuali scorretti, tra i quali l’assunzione di alcolici in ambito lavorativo. Le malattie professionali. Significato della sorveglianza sanitaria in riferimento al D.Lgs. 81/2008. Sorveglianza sanitaria finalizzata anche alla verifica di assenza di condizioni di alcol dipendenza e di assunzione di sostanze psicotrope. Il seminario di prevenzione incendi tenuto da Vigili del Fuoco tratta la normativa di riferimento, il Certificato di Prevenzione Incendi, le attività soggette al rilascio del CPI, la valutazione del rischio incendio e la gestione della sicurezza antincendio in Azienda.
Modulo IGIENE INDUSTRIALE E TOSSICOLOGIA del Prof. Matteo Valentino
(lezioni frontali 30 ore – 3 CFU)
Il corso della durata di 30 ore di lezione tratta i principi di prevenzione primaria in ambito di rischi chimici e fisici. Monitoraggio ambientale, campionamento diretto e indiretto.
Campionamento passivo, campionamento automatico con analizzatori.
Tecniche di misura del substrato campionato. Valutazione statistica dei risultati. misurazione di polveri e fibre. Misura del rumore e delle vibrazioni. Misura campi elettromagnetici.
Monitoraggio biologico, tossicologia forense, tossicologia industriale e tossicologia sperimentale,
curva dose risposta ed estrapolazione di noael loael , assorbimento cutaneo.
Significato dei principali parametri per la caratterizzazione della tossicità delle sostanze chimiche (LD50, ADI, NOEL, ecc.) e principi generali della valutazione del rischio. Metodologia di prevenzione ambientale dei rischi lavorativi: identificazione dei pericoli, valutazione dell'esposizione; significato e uso dei valori limite di esposizione ambientale (MAC, TLV). I concetti di dose - effetto, dei tossici industriali. Significato e uso degli indici biologici di esposizione (BEI, dose interna, ecc).

Modulo METODI E STRUMENTI DELLA COMUNICAZIONE DEL RISCHIO (lezioni frontali 20 ore – 2 CFU)
del Dott. Roberto Rimini

Tecniche di comunicazione efficace, coinvolgimento del sistema delle relazioni in Azienda, gestione della comunicazione nelle diverse situazioni di lavoro. Il sistema delle relazioni interne ed esterne all'azienda. Gli istituti giuridici per la comunicazione del rischio previsti dalle disposizioni in materia di prevenzione (informazione, formazione, addestramento, ecc.). Metodi, tecniche e strumenti della comunicazione del rischio. Conseguenze lavorative dei rischi derivanti da inefficienze organizzative, strumenti, metodi e misure di prevenzione. La pianificazione delle attività di comunicazione del rischio, con particolare riferimento all'istituto del programma di informazione e formazione di cui agli artt. 33 - 35 del D. Lgs. N° 81/2008 e smi.
La formazione dell’adulto, le fasi del processo di formazione e le competenze del formatore in materia di salute e sicurezza. Strumenti e tecniche di comunicazione scritta, orale e multimediale, con particolare riferimento a quelli utilizzabili nelle piccole e piccolissime aziende (riunione, assemblea, cartellonistica, volantino pieghevole, brochure).
Esercitazioni in aula
Gli studenti eseguiranno esercitazioni su:
- parlare in pubblico
- elaborazione di un volantino in tema di prevenzione,
- elaborazione di un pieghevole,
- elaborazione delle fasi del processo formativo efficace in azienda.

PROGRAM
OCCUPATIONAL MEDICINE (40 hours frontal lesson - 4 CFU)
Regulations of the risk prevention on the health and safety hazards in the workplaces, chemical, physical and biological hazards, as well the procedures to be followed.
Risk factors for occupational-stress correlated. Risk factors and working practices: risks associated with exposure to chemical agents - carcinogens, physical and biological agents present at workplace. Risk derived from incorrect individual behaviours, such as drinking alcohol at workplace. Professional illnesses. The meaning of health surveillance in accordance to the D.Lgs. 81/2008. Health surveillance also aimed to verifying the absence of alcohol dependence and psychotropic substances. The Fire Prevention Workshop hold by Fire fighting, highlighting the reference legislation, Fire Prevention Certificates (FPC), Companies issuing the FPC, fire risk assessment and fire safety management in the Company.
PROGRAM
INDUSTRIAL HYGIENE AND TOXICOLOGY (30 hours frontal lessons - 3 CFUs)
The 30-hour lesson course addresses the principles of primary prevention in the field of chemical and physical hazards. Environmental monitoring, direct and indirect sampling.
Passive sampling and automatic sampling with analysers.
Techniques used for sample substrate measurement. Statistical evaluation of results. Detection of dusts and fibers. Measurement of noise and vibration. Measurement of the electromagnetic fields.
Biological monitoring, forensic toxicology, industrial toxicology and experimental toxicology,
Dose response curve and extrapolation of noael loael, skin absorption
Meaning of the main parameters for the characterization of chemical toxicity (LD50, ADI, NOEL, etc.), and general principles of risk assessment. Environmental risk prevention methodology: hazard identification, exposure assessment; Meaning and use of environmental exposure threshold values (MAC, TLV), Concepts of Dose-Effect, Industrial Toxic. Meaning and use of biological exposure indices (EIB, internal dose, etc.).

PROGRAM
METHODS AND TOOLS OF THE RISK COMMUNICATION: (20 hours frontal lesson - 2 CFU)
Efficient communication techniques, involvement of the relationship system in the company, communication management in different work situations. The system of inside and outside relationships in the company. The legal agencies for risk communication provided by the prevention system (information, training, etc.). Methods, techniques and tools for risk communication. Occupational consequences of risks derived from organizational inefficiencies, tools, methods and prevention measures. The planning of risk communication activities, with particular reference to the Institute of Information and Training Program referred to Art. 33 - 35 of Legislative Decree no. 81/2008 and smi. Adult training, the stages of the training process and the trainer's skills in health and safety. Writing, oral and multimedia communication tools and techniques, with particular reference to those used in small and very small businesses (meeting, assembly, billboards, folding leaflets, brochures).

Classroom exercises
Students will perform exercises on:
- speaking in public
- drawing up a leaflet on prevention,
- processing of a folding,
- elaboration of the steps of the effective training process in the company.


MODALITÀ DI SVOLGIMENTO DELL'ESAME DEVELOPMENT OF THE EXAMINATION
Modalità di valutazione dell'apprendimento.

L’esame consiste in una prova orale. Ad ogni studente vengono effettuate cinque domande, ad ogni domanda viene attribuito il punteggio di 6 in modo da raggiungere trenta trentesimi totali.


Criteri di valutazione dell'apprendimento.

Nella prova orale lo studente dovrà dimostrare di conoscere principi e metodi in merito alla valutazione dei rischi nonché i parametri per la caratterizzazione della tossicità delle sostanze chimiche. Dovrà inoltre dimostrare di conoscere le principali tecniche per di comunicazione del rischio.


Criteri di misurazione dell'apprendimento.

L’esame si intende superato quando il voto finale è maggiore o uguale a 18. E’ prevista l’assegnazione del massimo dei voti con lode (30/lode).


Criteri di attribuzione del voto finale.

Ad ogni studente vengono effettuate cinque domande, ad ogni domanda viene attribuito il punteggio di 6 in modo da raggiungere trenta trentesimi totali. La lode viene attribuita quando lo studente dimostra piena padronanza della materia.


Learning Evaluation Methods.

The exam consists of an oral examination. To each student five questions are asked; each question is assigned a score of 6 to get a maximum of 30/30 as total score.


Learning Evaluation Criteria.

During oral test, the student must demonstrate knowledge on principles and methods of risk assessment, as well as parameters for the characterization of chemical toxicity. He will also have to demonstrate knowledge of the main techniques used for risk communication.


Learning Measurement Criteria.

The exam will be considered over when the total score is greater than or equal to 18 value. Praise is expected (30/30 with praise).


Final Mark Allocation Criteria.

To each student five questions are asked, each question is assigned a score of 6 to get a final score of 30/30. Praise is attributed when the student demonstrates full mastery of the topic.



TESTI CONSIGLIATI RECOMMENDED READING

Modulo MEDICINA DEL LAVORO Prof.ssa Lory Santarelli
• Titolo: Manuale di medicina del lavoro e igiene industriale per tecnici della prevenzione
• Autore: L.Alessi P.Apostoli
• Casa Editrice: Piccin

• Titolo: E-Book Sindrome da insalubrità negli edifici nel mondo del lavoro
• Autore: R.Guarunuello, S.Pollastrini, C.Pieroni, M.Principi, L.Santarelli
• Casa Editrice: Wolter Kluwer

Modulo IGIENE INDUSTRIALE E TOSSICOLOGIA Prof. Matteo Valentino
• Titolo: Manuale di medicina del lavoro
• Autore: E.Pira, C.Romano, P.Carrer
• Casa Editrice: Minerva Medica 2016

Modulo: METODI E STRUMENTI DELLA COMUNICAZIONE DEL RISCHIO Dott. Roberto Rimini

• Titolo: Relazioni pubbliche e corporate communication. Vol. 2
• Autore: Emanuele Invernizzi, Stefania Romenti
• Casa editrice: McGraw-Hill Education 2012

Didactic unit: OCCUPATIONAL MEDICINE Prof.ssa Lory Santarelli
• Title: Manuale di medicina del lavoro e igiene industriale per tecnici della prevenzione
• Author: L.Alessi P.Apostoli
• Publisher: Piccin

• Title: E-Book Sindrome da insalubrità negli edifici nel mondo del lavoro
• Author: R.Guarunuello, S.Pollastrini, C.Pieroni, M.Principi, L.Santarelli
• Publisher: Wolter Kluwer

Didactic unit: INDUSTRIAL HYGIENE AND TOXICOLOGY Prof. Matteo Valentino
• Title: Manuale di medicina del lavoro
• Author: E.Pira, C.Romano, P.Carrer
• Publisher: Minerva Medica 2016

Didactic unit: METHODS AND TOOLS OF THE RISK COMMUNICATION
Dott. Roberto Rimini

• Title: Relazioni pubbliche e corporate communication. Vol. 2
• Author: Emanuele Invernizzi, Stefania Romenti
• Publisher:McGraw-Hill Education 2012


Scheda insegnamento erogato nell’A.A. 2018-2019
Le informazioni contenute nella presente scheda assumono carattere definitivo solo a partire dall'A.A. di effettiva erogazione dell'insegnamento.
Academic year 2018-2019

 


Università Politecnica delle Marche
P.zza Roma 22, 60121 Ancona
Tel (+39) 071.220.1, Fax (+39) 071.220.2324
P.I. 00382520427